annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Quando la Simmenthal era solo una squadra di pallacanestro

Comprimi
X
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • #46
    Permettetemi una notazione: si diceva "IL Simmenthal" e "L'Ignis", al femminile (chissÓ perchÚ, ma era come "IL" Porche, e "LA" Ferrari.....).
    A

    Commenta


    • #47
      Originariamente inviato da dakak Visualizza il messaggio

      Presente!.....Visto che sono entrato in famiglia facendo in tempo a vedere al Palalido gli ultimi anni di Riminucci.
      E c'Ŕ un giocatore che non vedo mai citato negli amarcord:......JIM TILLMAN!
      Lo ricordi? E' stato uno dei centri (allora dicevamo "pivot") pi¨ piccoli della nostra storia (credo fosse sotto i due metri), ma zompava alla grande.....
      Bravo!....Avevo capito, da precedenti interventi, che eri dei (pochi) nostri.
      Di Tillman mi ricordo la sorpresa, mia e di mia moglie, quando lo presero. Mai ci saremmo aspettati che Rubini prendesse un giocatore di colore, segno dei tempi che cambiavano.....e il Principe si adeguava....
      Come giocatore ovviamente ci entusiasmammo per gli zompi che faceva per prendere rimbalzi e stoppare.
      Purtroppo ci si rese conto col tempo che il cervello e la voglia di lottare non erano quelle che ci si aspettava da lui.
      Se fossimo stati ai giorni nostri probabilmente Rubini lo avrebbe tagliato.....invece ce lo sorbimmo, anche l'anno successivo.

      Poi per˛ arrivo Arturo....
      Olimpia's fan since 1961
      A pensÓ mal se fÓ pecÓ, ma se induina semper......
      "Guardate le partite, non le statistiche...." ę

      Commenta


      • #48
        Stasera io ci sar˘. Trovo qualcuno??

        image.jpeg
        Olimpia's fan since 1961
        A pensÓ mal se fÓ pecÓ, ma se induina semper......
        "Guardate le partite, non le statistiche...." ę

        Commenta


        • #49
          Originariamente inviato da GIORDANO Visualizza il messaggio
          Bravo!....Avevo capito, da precedenti interventi, che eri dei (pochi) nostri.
          Di Tillman mi ricordo la sorpresa, mia e di mia moglie, quando lo presero. Mai ci saremmo aspettati che Rubini prendesse un giocatore di colore, segno dei tempi che cambiavano.....e il Principe si adeguava....
          Come giocatore ovviamente ci entusiasmammo per gli zompi che faceva per prendere rimbalzi e stoppare.
          Purtroppo ci si rese conto col tempo che il cervello e la voglia di lottare non erano quelle che ci si aspettava da lui.
          Se fossimo stati ai giorni nostri probabilmente Rubini lo avrebbe tagliato.....invece ce lo sorbimmo, anche l'anno successivo.

          Poi per˛ arrivo Arturo....
          In realtÓ il primo anno di Tillman (68-69, se non erro) lo ricordo buono, anche dal punto di vista comportamentale, tanto che venne confermato: e il Principe non era uno che si facesse scrupoli a buttar fuori a calci le mele marce. Purtroppo il frutto and˛ a male nella seconda stagione, con prestazioni altalenanti che lasciavano trasparire usi ed abusi non consigliabili, e comportamenti borderline. Alla fine della seconda stagione Rubini pronunci˛ il solenne giuramento numquam americanum nigrum. Milano poteva essere un ambiente pericoloso giÓ allora, per i pi¨ fragili.

          No, Gi˛, stasera non ci sar˛: quando ho saputo della cosa i posti risultavano giÓ esauriti
          La gallina che mangia i sassi, sa il culo che ha!

          Stolto e miscredente

          Commenta


          • #50
            Originariamente inviato da Buckdharma Visualizza il messaggio

            No, Gi˛, stasera non ci sar˛: quando ho saputo della cosa i posti risultavano giÓ esauriti
            Mi spiace veramente di non vederti in questa occasione. Pensavo fossi stato tra i primi a saperlo.....altrimenti ti avrei allertato al Forum.

            Da quel che ho letto ci saranno per˘ delle prevedibili repliche in futuro.
            Olimpia's fan since 1961
            A pensÓ mal se fÓ pecÓ, ma se induina semper......
            "Guardate le partite, non le statistiche...." ę

            Commenta


            • #51
              Appena tornato a casa dopo la "reunion" alla Cappelli Sforza di Lampugnano organizzata dal Museo del Basket di Milano.
              .
              Anche se giocata in casa la serata Ŕ stata doverosamente bipartisan e dunque era assicurata la presenza oltre che di atleti di entrambe le squadre e anche di tifosi di ambo le squadre.

              Dalle chiacchiere che si sentivano durante la registrazione al banco era cospicua anche una rappresentanza di anziani tifosi della seconda squadra di Milano (che non c'entravano un tubo nella serata) nobilitata dalla augusta presenza di Gurioli e Chiabotti.

              Tifosi di Milano da me riconosciuti come frequentatori del Forum....tre!!! (ma magari ce n'erano altri che non conosco)

              Dopo una breve introduzione di Giorgio Papetti che ha lamentato le difficoltÓ poste da Teche Rai nel concedere, in prestito, l'uso di quei pochi filmati proiettati, la serata Ŕ stata condotta da un invecchiato ma inaspettatamente spiritoso Dario Colombo (ndr: il buon Colombo, ai tempi della Tracer, lavorava anche al Giorno ed era considerato, nella mia cerchia di amici, come un notorio menagramo nei confronti della squadra milanese al punto, quando lo vedevamo presente al Trussardi, da esibirci impudicamente al suo indirizzo con energiche toccate dei gioielli di famiglia).

              I pochi e brevi filmati sono stati intervallati da interviste, a coppie, ai personaggi famosi presenti in sala. Prima Kenney e Meneghin, poi Bariviera e Zanatta, poi Ossola e Rusconi, poi gli arbitri di allora Albanesi e Zambelli.

              Le cose che hanno detto sono, ovviamente, sapute e risapute, per˛ tutti sono stati piacevoli e spiritosi e hanno ricevuto la loro dose di applausi.
              Applausi anche per un video saluto registrato dal varesino Bob Morse.

              L'ultima intervista al grandissimo Sandro Gamba, come sempre lucido ed arguto nelle sue risposte.

              Oltre a quelli citati ho potuto vedere in sala i giocatori di Milano Giandomenico Ongaro, Longhi e Paolo Bianchi e i varesini Flaborea e Lucarelli.
              C'erano anche Cappellari e il suo sodale PF, Franco Arturi, Werther Pedrazzi....e forse altri

              Ho visto che alcune foto della serata sono su FB del Museo del basket.
              Ultima modifica di GIORDANO; 03/05/2017, 00:48.
              Olimpia's fan since 1961
              A pensÓ mal se fÓ pecÓ, ma se induina semper......
              "Guardate le partite, non le statistiche...." ę

              Commenta


              • #52
                Ma Flaborea quanti anni ha? 204 o 205?
                La gallina che mangia i sassi, sa il culo che ha!

                Stolto e miscredente

                Commenta


                • #53
                  Non Ŕ vecchissimo....per˛ l'ho trovato molto ingrassato e un po' sciupato ma ieri sera sembrava di essere al Trivulzio..... pi¨ o meno
                  Olimpia's fan since 1961
                  A pensÓ mal se fÓ pecÓ, ma se induina semper......
                  "Guardate le partite, non le statistiche...." ę

                  Commenta


                  • #54
                    Originariamente inviato da GIORDANO Visualizza il messaggio
                    Appena tornato a casa dopo la "reunion" alla Cappelli Sforza di Lampugnano organizzata dal Museo del Basket di Milano.
                    .
                    Anche se giocata in casa la serata Ŕ stata doverosamente bipartisan e dunque era assicurata la presenza oltre che di atleti di entrambe le squadre e anche di tifosi di ambo le squadre.

                    Dalle chiacchiere che si sentivano durante la registrazione al banco era cospicua anche una rappresentanza di anziani tifosi della seconda squadra di Milano (che non c'entravano un tubo nella serata) nobilitata dalla augusta presenza di Gurioli e Chiabotti.

                    Tifosi di Milano da me riconosciuti come frequentatori del Forum....tre!!! (ma magari ce n'erano altri che non conosco)

                    Dopo una breve introduzione di Giorgio Papetti che ha lamentato le difficoltÓ poste da Teche Rai nel concedere, in prestito, l'uso di quei pochi filmati proiettati, la serata Ŕ stata condotta da un invecchiato ma inaspettatamente spiritoso Dario Colombo (ndr: il buon Colombo, ai tempi della Tracer, lavorava anche al Giorno ed era considerato, nella mia cerchia di amici, come un notorio menagramo nei confronti della squadra milanese al punto, quando lo vedevamo presente al Trussardi, da esibirci impudicamente al suo indirizzo con energiche toccate dei gioielli di famiglia).

                    I pochi e brevi filmati sono stati intervallati da interviste, a coppie, ai personaggi famosi presenti in sala. Prima Kenney e Meneghin, poi Bariviera e Zanatta, poi Ossola e Rusconi, poi gli arbitri di allora Albanesi e Zambelli.

                    Le cose che hanno detto sono, ovviamente, sapute e risapute, per˛ tutti sono stati piacevoli e spiritosi e hanno ricevuto la loro dose di applausi.
                    Applausi anche per un video saluto registrato dal varesino Bob Morse.

                    L'ultima intervista al grandissimo Sandro Gamba, come sempre lucido ed arguto nelle sue risposte.

                    Oltre a quelli citati ho potuto vedere in sala i giocatori di Milano Giandomenico Ongaro, Longhi e Paolo Bianchi e i varesini Flaborea e Lucarelli.
                    C'erano anche Cappellari e il suo sodale PF, Franco Arturi, Werther Pedrazzi....e forse altri

                    Ho visto che alcune foto della serata sono su FB del Museo del basket.
                    Grazie Giordano per il resoconto, lacrimuccia d'obbligo...
                    ... sul grassetto quoto in pieno
                    nella cerchia degli amici tifosi pensavamo che fosse canturino per lo sfrenato entusiasmo che metteva nel commentare le partite di quelli lÓ per una tv locale
                    Sulla stessa linea approvo che tu abbia citato il sodale solo con le iniziali
                    Olimpia Sempre E Comunque !
                    Meglio Calvo Che Stonerook

                    Belloccio ! (cit. Tomas Locatelli)
                    Tu sei schifosamente malizioso (cit. Robert Allen McAdoo)
                    Moreno, a pensare male di CL ci si azzecca sempre (cit. Archie Goodwin)
                    Ci sono delle ragazze che pure da sobrie sono delle sudicione incredibili *_* (cit. Dullo)
                    E' fatto 'l guadagno de Cazzella, che vendiede el cavallo per pigliar la sella ('l mý babbo 1925-2010)

                    Commenta

                    Sto operando...
                    X